Archivi tag: Tribunale

Caccia al fascicolo. Lo sport (meno) preferito dagli avvocati

È uno sport in voga tra gli avvocati (obtorto collo) negli ultimi anni . Si pratica nei Tribunali, specie quelli più grandi e ultimamente, con la nuova geografia giudiziaria, sta prendendo sempre più piede.
Le regole sono semplici: il povero fascicolo d’ufficio (che si estinguerà definitivamente il prossimo giugno 2014) deve cercare di nascondersi e non farsi trovare dagli avvocati, i quali hanno la pretesa di avanzare diritti nei suoi confronti.
Ha molti luoghi, in Tribunale, per nascondersi: sotto le scale, in oscure stanze, su carrelli in attesa di essere lavorato. Ma non solo. A volte viene pure portato via da valorosi aiutanti, destinato in locali distanti e sconosciuti.
Ma l’aiuto maggiore, spesso, viene dato dai cancellieri, veri e propri folletti tutto (non) fare, che li gestiscono.
Questa mattina mi sono purtroppo “divertito” in questo sport.
Nel mese di settembre avevo fatto una rinuncia ad una esecuzione, presentata all’ufficio iscrizioni (dove il fascicolo si era inizialmente nascosto) depositando congiuntamente l’istanza di ritiro del titolo per procedere ad una diversa esecuzione.
In questo caso doveva servire l’autorizzazione del giudice dell’esecuzione, quindi il furbo fascicolo veniva trasportato in cancelleria. Ma non da subito. È stato necessario un mio sollecito alla cancelliera la quale l’ha poi richiesto.
Ad oggi sono passati due mesi dall’istanza di settembre.
Non vedendo nulla dai terminali allo studio (si doveva visualizzare l’autorizzazione del GE al ritiro), mi sono recato nuovamente in cancelleria. Il tremendo e sfuggente fascicolo, però, non era più lì, ma era stato restituito ai piani interrati, questa volta in archivio.
La ragione ?
Dal mese di ottobre (quindi dopo la mia istanza) una circolare del simpatico Tribunale ha previsto l’automatica restituzione del titolo originale, senza passare per il Giudice, nel caso di estinzione per rinuncia.
Ma nessuno mi ha avvertito, e nessuna comunicazione affissa fuori dalla cancelleria.
Questo fascicolo si è dimostrato furbo come una volpe.

Pubblicità

Lascia un commento

Archiviato in le aule giudiziarie

Il motto del legale del nuovo millennio

20131020-233730.jpg

È così. Il miglior legale non è più quello che sbaglia di meno (perché capita che anche il migliore avvocato possa sbagliare), ma è diventato quello che riesce ad evitare le aule di tribunale.
Non è per l’incertezza che regna nelle decisioni dei giudici di merito, o almeno non solo.
Non è neppure per il costante aumento dei costi legati al processo (da ultimo l’aumento della marca per i diritti, passata da €8 a €25), perché chi decide di far causa e la vince, può sperare di recuperare le spese iniziali.
La ragione è di semplice opportunità.
“Iniziare un litigio è come aprire una diga, prima che la lite si esasperi, troncala”.

Lascia un commento

Archiviato in la categoria forense